Analisi Tecnica e Ciclica Indici: report settimanale 22-16

In questi tre giorni si sono avuti dei dati economici e delle decisioni politiche molto importanti. In America le vendite di case esistenti sono salite a 619.000 da 531.000 di marzo. Un balzo del 16,6% rispetto al livello di marzo; livelli che non si vedevano dal febbraio del 2008. Il dollaro è sui massimi degli ultimi due mesi nei confronti dell’euro a 1,115, da 1,122 della chiusura. 

Si paventa un nuovo aumento dei tassi tra giugno o più probabilmente a luglio, vista la forza che sta dimostrando l’economia americana in questi ultimi mesi. Ma attenzione che il ciclo economico americano è in fase di maturità.
Sulla Grecia c’è accordo ed è stato rinnovato il prestito in scadenza e si inizia ad ipotizzare, in primis il FMI pur con l’opposizione teutonica, una ristrutturazione di parte del debito. Infine parrebbe anche che le nubi sulla Brexit Inglese si stiano diradando. Questi fattori in parte sorprendenti e non così velocemente attesi, hanno prodotto un rialzo importante in queste ultime due sedute.

Vediamo i nostri modelli di analisi cosa dicono:

FTSE MIB

FTSEMIB_2d

E’ il più indietro tra i principali indici, ma forse proprio per questo ha margini di “rivincita” più ampi; stiamo a vedere quanto. 17.400 punti è un supporto molto forte dal quale è ripartita una rimonta che ha portato ieri l’indice ai 18.200. Se la prosecuzione del rialzo sarà confermata, i target saranno prima i 19.000 e poi i 20.000 punti. Lettura a le candele Heikin Ashi a time frame a 2 giorni, ci dice che è stata rotta al rialzo l’area di congestione e dovrebbe esserci spinta. L’oscillatore ciclico, sul medesimo timeframe, ha dato un segnale rialzista confermato, a supporto dell’ipotesi di ripartenza anticipata del nuovo trimestrale. Attendiamo conferme ma potrebbe essere partito un nuovo ciclo di medio termine il 19 maggio; la verifica ci verrà dalla forza della spinta ciclica che avrà questo movimento (le probabilità per ora paiono favorevoli a questa ipotesi, ovvero ad un anticipo).

DAX

DAX_2d

Il DAX ha il trend di medio termine in fase laterale (livello 0) come anche il timeframe a 2 giorni il quale ha dato un segnale di spike rialzista che ha ricevuto un primo lasciapassare su base daily con il passaggio del supertrend in fase rialzista nella seduta del 25 maggio. La rottura dei 10.205 ci offrirebbe anche la conferma tecnica ciclica. La resistenza chiave/pivot point sono i 10.435 ovvero il massimo del ciclo di medio termine partito l’11 febbraio. La tonicità dell’indice teutonico per ora è fuori discussione.

S&P 500

S&P500_2d

 

 

Commenta anche tu!

commenti

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.