Antonella Clerici: arriva la confessione shock sui terribili anni vissuti dalla figlia Maelle. Ecco il racconto!

Antonella Clerici: arriva la confessione shock sui terribili anni vissuti dalla figlia Maelle. Ecco il racconto!

Antonella Clerici ha deciso di raccontare la sua storia nel podcast Mamma Dilettante, condotto da Diletta Leotta. Durante l’intervista, la famosa presentatrice ha parlato della sua esperienza come madre di Maelle, che oggi ha 14 anni, nata dalla sua precedente relazione con l’ex marito Eddy Martens. Ecco che cosa è emerso dal suo doloroso racconto!

Antonella Clerici e il rapporto con la figlia Maelle

Antonella Clerici ha un rapporto particolare con sua figlia, come ha raccontato alla conduttrice Diletta Leotta: “Abbiamo un bellissimo rapporto, ci confidiamo, ma quando arrivo a parlare di argomenti più specifici, vedo che lei cambia discorso. È una giovane donna molto sicura di sé, non ha paura di nulla”. Maelle, oggi quattordicenne, vive con sua madre a Novi Ligure. Clerici è diventata madre a 44 anni e ha scoperto la maternità in un modo diverso da quello che aveva immaginato.

“Essendo una mamma di una certa età, pensavo che sarei stata apprensiva, ma invece la lascio libera come giusto che sia. Mi vedo in lei, la vedo crescere e vivo con lei una seconda giovinezza. Non si fa sottomettere, è indipendente e le auguro di diventare una donna forte”. La ragazza ha anche un rapporto sereno con suo padre, che ha riacquisito il suo ruolo nel corso del tempo: “Quando ho cambiato vita, all’inizio è stato difficile, Maelle non ha più visto suo padre. Ora lui ha ripreso il suo ruolo, non sapeva come comportarsi con lei. Lei aveva delle reticenze, ma abbiamo lavorato su questo”.

Il bullismo subito da Maelle

La Clerici ha svelato che la figlia a scuola ha subito episodi di bullismo da parte dei compagni di ckasse, dal momento che alcuni coeteanei la consideravano”figlia di”, anche se lei ha sempre voluto vivere la quotidianità come tutti gli altri.

“Durante il suo passaggio alle scuole medie, ho notato che Maelle ha subito episodi di bullismo da parte dei suoi compagni, perché era mia figlia. Nonostante ciò, lei ha sempre desiderato vivere una vita quotidiana come tutti gli altri studenti. Fin dalla quarta elementare, ha frequentato una scuola pubblica dicendomi: ‘Voglio fare le stesse cose degli altri’. Ma è stata nei primi anni delle medie che qualcuno le ha detto: ‘Tu parli, ma sei la figlia di’. Inizialmente, lei ha sopportato questa situazione e ho notato che ne ha sofferto un po’. Tuttavia, è riuscita a ribaltare la situazione: verso la fine della terza media ho visto che coloro che prima la denigravano, ora le portavano la merenda e si schieravano dalla sua parte”.